« Il caso Lacenaire : la scrittura del crimine » (Anne-Emmanuelle Demartini)

Ottobre 2016 – « Alla fine del 1835, alla corte d’assise della Senna, si tenne il clamoroso processo di Pierre-François Lacenaire (1803-1836). Giudicato per numerosi falsi e furti, Lacenaire rischiava la testa per un doppio assassinio (il caso del passage du Cheval-Rouge) e un tentativo di assassinio (il caso di rue Montorgueil) commesso a Parigi nel 1834. Condannato a morte il 12 novembre 1835, viene giustiziato, pubblicamente, il 9 gennaio 1836. Durante i due mesi in cui si è svolto il caso, Lacenaire ha monopolizzato l’attenzione di un pubblico stupefatto, non tanto per i suoi crimini quanto per la sua personalità e il suo comportamento. Attraverso l’istruzione, la distinzione e il talento, questo borghese declassato contrastava con la clientela ordinaria delle corti d’assise. La sua attitudine di fronte al crimine e al castigo scandalizzava: invece di concepire dei rimorsi per i suoi molteplici crimini, Lacenaire li rivendicava, pretendendo di aver dichiarato guerra a una società ingiusta, dove non aveva potuto far carriera e che l’aveva escluso; ed è con coraggio e senza ricorrere alla religione che aspettava in prigione la sua esecuzione, occupando il suo tempo a comporre versi e a redigere le sue Memorie autobiografiche. In una opinione pubblica inorridita e affascinata è nata la leggenda dell’ “assassino-poeta” e del “bandito romantico”, che pone Lacenaire nella linea dei poeti dietro le sbarre, tra François Villon e Jean Genet (Demartini 2001). Noi vorremmo ritornare alla fonte di questo mito che sposa il crimine alla letteratura sotto gli auspici della ghigliottina. I legami che il caso stringe tra crimine e letteratura sono molteplici e a doppio senso. Si vedrà come il crimine ha spinto alla letteratura: Lacenaire non è stato riconosciuto come scrittore che dopo il suo processo e l’opera letteraria è nata dietro le sbarre. Ma la letteratura lo ha anche spinto al crimine, sia nel destino personale del criminale sia nel fantasma dei contemporanei. »

« Per saperne di più, leggi questo articolo pubblicato sul sito web » Agalma

Agalma 32 – Arte, letteratura e crimine – Mimesis Edizioni

________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Anne-Emmanuelle Demartini est professeure d’histoire contemporaine à l’université Paris 13, membre du laboratoire Pléiade. Ses travaux portent sur les sensibilités et les imaginaires sociaux contemporains, qu’elle explore à partir d’itinéraires individuels et de modalités diverses de l’exception et de la transgression : criminel(le)s, monstres, affaires judiciaires, etc. Elle est l’auteure de L’Affaire Lacenaire, Paris, Aubier, 2001 et a codirigé plusieurs ouvrages : Imaginaire et sensibilités. Études pour Alain Corbin, Paris, Créaphis, 2005 ; Monstre et imaginaire social, Paris, Créaphis, 2008 ; Émotions contemporaines xix e  xxi e  siècles, Paris, Armand Colin, 2014. Dernier livre publié Violette Nozière, la fleur du mal ( une histoire des années 30) – Anne-Emmanuelle Demartini


Vous aimerez aussi...

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *