Il Museo di Antropologia criminale “Cesare Lombroso” (Silvano Montaldo et Paolo Tappero)

Il-museoS. Montaldo et Paolo Tappero (Eds.), Il Museo di Antropologia criminale “Cesare Lombroso”, UTET, 2009, 325 p.

Cent ans après la mort de Cesare Lombroso (1835-1909), fondateur de l’anthropologie criminelle, son « Musée criminel », unique au monde, réouvrait ses portes au public,  à Turin. A cette occasion, Silvano Montaldo, professeur d’histoire contemporaine et Paolo Tappero, professeur de médecine légale et directeur du Musée jusqu’en 2009, ont réalisé un catalogue dont on trouvera ci-dessous la présentation.

Présentation de l’éditeur

A cento anni dalla morte di Cesare Lombroso, fondatore dell’Antropologia criminale, riapre a Torino il suo “museo criminale”. Le collezioni comprendono preparati anatomici, disegni, fotografie, corpi di reato e produzioni artigianali e artistiche, anche di pregio, realizzate da internati nei manicomi e da carcerati. Lombroso iniziò a raccogliere questi materiali intorno al 1859 e continuò a farlo per tutta la vita, con l’aiuto di allievi e ammiratori che in Italia e negli altri paesi europei, in Africa, America, Asia e Australia, si ispirarono alle sue teorie. Fu poi Mario Carrara, genero e successore di Lombroso, a proseguirne l’opera fino al 1932, quando venne espulso dall’Università per aver rifiutato di giurare fedeltà al fascismo. Il museo, unico al mondo, non è una raccolta di strumenti di punizione, anche se ne possiede alcuni; non vuole offrire al pubblico una sequenza di grandi criminali e di delitti efferati, sebbene tratti anche della criminalità. Intende, invece, presentare il pensiero di uno scienziato fortemente interessato ai problemi della sua epoca e che fu guidato da una profonda curiosità verso il crimine e verso qualsiasi forma di devianza dalle norme della società borghese ottocentesca, un’anormalità intesa anche in senso positivo, nelle persone di genio artistico, scientifico o politico capaci di far progredire l’umanità.

En complément

L’Université de Turin entretient un site pour ses musées et collections. On y trouvera des informations complémentaires et il est même  possible de réaliser une brève visite virtuelle du Musée d’anthropologie criminelle en se rendant sur le site Museounito

museo-virtuale-CL


Vous aimerez aussi...